:: baiadigrotta.it ::

la traversata

home

la gara

il luogo

i personaggi

la traversata

i miti

l'ambiente

visto da noi

la lega navale

links

contatti e iscrizioni

personaggi 

PIPPO NICOSIA


Nicosia con il presidente FIN Bartolo Consolo

Anche se l'oggetto di questo sito è la storia del nuoto nello Stretto, per parlare di Nicosia allargheremo il discorso alla piscina, e non senza motivo. Il nuotatore milazzese è una delle figure di spicco del nuoto siciliano e vanta una carriera con pochi confronti. Carriera spezzata in due, con una prima fase di altissimo livello come giovanissimo agonista, interrotta nel 1971 a soli diciannove anni, e ripresa come master e fondista a metà degli anni '80, con risultati sempre prestigiosissimi.


le prime vittorie (Nicosia a destra)

Nato a Milazzo nel 1952, Pippo inizia a gareggiare a 11 anni senza nessun tipo di allenamento specifico, affrontando una prima "vera" preparazione estiva due anni dopo. La città mamertina offre un mare meraviglioso, ma non ha piscina (come del resto neppure il capoluogo Messina!) e visti gli ottimi risultati Nicosia a sedici anni si trasferisce a Roma dove finalmente riesce ad effettuare una seria preparazione invernale con l'allenatore federale americano Dick Beaver nel 1968, entrando due anni dopo nella scuderia del mitico Bubi Dennerlein, che allenava anche Novella Calligaris. 



Cominciano ad arrivare i risultati: il titolo nazionale juniores sui 200 sl nel 1969, più due argenti e cinque bronzi nei Campionati Nazionali di categoria tra il '67 e il '69 su 100, 200 e 400 metri stile libero. 
Tra il 1968 e il 1970 Nicosia vince tre medaglie di bronzo ai Campionati Italiani Assoluti (due nei 200 e una nei 400 sl), e nell'aprile del 1968 scende sotto il minuto nei 100 sl con 58".40 a soli sedici anni, primo siciliano ad ottenere questo risultato!

Con la Nazionale Giovanile partecipa a vari incontri internazionali, tra cui Russia-Italia (maggio '68), Italia-Cecoslovacchia (giugno '68), Cecoslovacchia-Italia (1969), e con la Nazionale Assoluta disputa la Coppa Europa per Nazioni (Varsavia, 1969), Sei Nazioni (Blackpool, 1969, allora trasmesso in eurovisione), Polonia-Italia (Cracovia, 1970).
Al meeting romano "Sette Colli" del 1970 risulta terzo assoluto e primo degli italiani sia sui 200 che sui 400 sl, e nello stesso anno, il 9 maggio, batte il record italiano assoluto sui 400 metri sl in vasca corta con 4'21"80. Pochi mesi dopo sfiora il record assoluto sui 400 sl in vasca da 50m, con 4'23"60 a soli sette decimi dal 4'22"90 del compianto De Gregorio. Il suo tempo risulterà comunque il migliore sulla distanza per tutto il 1970.


il giorno del 4'23"60 sui 400 in vasca da 50m

Però... immaginate un ragazzino di diciassette anni, nato a cresciuto in una piccola e splendida città di mare a misura d'uomo, catapultato in una vita "da single" nella Capitale, sradicato dal suo mondo familiare, dalle sue amicizie, dalla sua scuola, dalle sue spiagge. Ad un certo punto, mentre la sua carriera agonistica è all'apice e con l'obbiettivo delle Olimpiadi di Monaco a portata di mano, qualcosa si rompe. Pippo abbandona Roma e il nuoto ad alto livello e decide di tornare a Milazzo, per recuperare quello che gli anni di allenamenti e successi gli hanno tolto. Di questa prima fase della sua carriera restano i risultati cronometrici, i record, tanti ricordi. Un'occhiata alle graduatorie nazionali assolute del 1970 basterà a dare l'idea della classe di Nicosia: 9° tempo sui 100 sl con 57"2, 3° tempo sui 200 sl con 2.04"2, 1° tempo sui 400 sl col citato 4'23"6...!

Tornato nella sua Milazzo, Nicosia si dedica al nuoto solo nei mesi estivi, data l'assoluta mancanza di impianti. Partecipa (stravincendone una trentina) a vari Campionati Regionali, mancando di poco i tempi-limite per rientrare nel giro dei Nazionali. Verso la metà degli anni '80, la realizzazione delle prime piscine coperte a Messina riporta la passione per il nuoto al centro della sua vita. Il disagio dello spostamento nel capoluogo per tre volte alla settimana è mitigato dal crescente entusiasmo che coinvolge alcuni non-più-giovanissimi atleti milazzesi e messinesi, che contribuiscono in modo decisivo alla nascita del movimento Master siciliano.


Premiazione per i due titoli Nazionali Master conquistati a Giardini Naxos nel 1988

Si apre così una nuova stagione, fatta di allenamenti nella piscina coperta dell' Hotel Europa e di gare Master in giro per l'Italia, insieme a vecchi e nuovi compagni. Pippo conosce Nino Musciumarra, che con il solito entusiasmo lo incoraggia a coltivare la passione per il nuoto in mare, peraltro da sempre caro all'atleta milazzese. Tra la seconda metà degli anni '80 e la prima metà degli anni '90 Nicosia si impone come uno dei più forti nuotatori master italiani, conquistando in piscina innumerevoli titoli regionali di categoria, diversi record e titoli italiani su varie distanze, e ponendo la propria firma su imprese in mare di tutto rispetto, come il secondo tempo assoluto sulla singola traversata dello Stretto, il record sulla Vulcano - Milazzo, la vittoria nella seconda edizione della Scilla e Cariddi.

Abituato a lottare per la vittoria, Nicosia ha preferito allontanarsi dalle gare quando gli impegni lavorativi e familiari si sono fatti più pressanti, anche se il desiderio di tornare a competere si fa ogni tanto sentire. Credo non avrebbe rivali, nella sua categoria, perchè nonostante gli allenamenti discontinui la classe è rimasta intatta. Nuotare accanto a lui è un'esperienza e una lezione. E se è allenato, è anche una gran fatica! 

La sua Società, Nuoto Milazzo C. Nicosia (già Club Nuoto C. Nicosia) è da oltre dieci anni la casa in cui i fondisti messinesi si ritrovano, e ha ottenuto risultati notevolissimi imponendosi stabilmente come terza forza del nuoto siciliano in acque libere dopo Zefiro Nuoto e Polisportiva Nadir. Con l'importante differenza che al contrario delle altre squadre la Nuoto Milazzo C. Nicosia non può contare sull'apporto di agonisti ma trae linfa e punteggi dalle sole forze di alcuni tra i master più forti dell'isola, che hanno trovato in questa Società un'isola felice, gestita non da un burocrate ma da uno sportivo che continua a vedere il nuoto attraverso le lenti degli occhialini.

a cura di Nino Fazio

torna a la traversata

storia - albo d'oro & immagini -  organizzazione - regole - atleti

Per comunicare dati o richiedere informazioni, scriveteci qui: traversata@baiadigrotta.it

con lo Stretto nel cuore